Intervistiamo l’autrice dei record: Antonella Maggio.

Un’autrice che si sta facendo apprezzare per la sua intraprendenza e bravura, con le sue storie delicate e sognanti, per chi ama le favole moderne e chi desidera distaccarsi per qualche ora.

Dopo il suo successo editoriale d’impatto intitolato “Profumo d’amore a New York” siamo qui a intervistarla per conoscerla meglio.

Ciao Antonella, quando hai iniziato a scrivere precisamente e cosa avevi scritto?

RISPOSTA:

Ho iniziato a scrivere “seriamente” a 19 anni, subito dopo la maturità perché lo studio mi ha rubato anni di vita e voglia di leggere. Una mattina mi sono svegliata con una storia per la testa, è nato così il mio primissimo romanzo che ho autopubblicato su Amazon e poi ritirato perché ho intenzione di rivederlo e curare ogni piccolo dettaglio e particolare, anche se ammetto che all’epoca la mia scrittura era molto più che acerba e a volte, non mi ci rivedo in quello scritto.

2. La tua primissima opera pubblicata è “Profumo d’amore a New York”?

RISPOSTA:

Profumo-damore-a-New-York-di-Antonella-Maggio-e1426154588304“Profumo d’amore a New York” la considero la mia prima pubblicazione a tutti gli effetti, anche se in realtà non lo è.
3. Come sei arrivata alla Butterfly Edizioni?

RISPOSTA:

A Butterfly sono arrivata per gioco. Non avevo mai inviato nulla a nessuna casa editrice perché non mi ritenevo una scrittrice (non lo faccio neanche adesso). Un giorno trovai nella homepage di Facebook un annuncio della Butterfly. Inviando un manoscritto entro la fine del mese, tempo 30 giorni, la Ce forniva una scheda di valutazione sia con esito positivo che negativo. Volevo conoscere un parere esterno ed ero convinta di leggere una valutazione negativa, capire dove sbagliavo. Butterfly invece mi ha inviato il primo contratto di edizione.


4. Avevi pensato prima alla pubblicazione self o prima all’invio a una casa editrice?

RISPOSTA:

Scrivevo per me stessa e se all’inizio ho optato per il self, è solo perché ci tenevo ad avere la mia copia sia cartacea che in e-book. Le vendite infatti si contavano sulle dita di una mano ma c’è da dire anche che non sapevo nemmeno come muovermi in questo settore. Le Ce non le guardavo nemmeno. Diciamo pure che in quel periodo non avevo una grandissima stima per me stessa e “Profumo d’amore a New York” (che ho voluto dedicare a tutte le donne), rappresenta infatti il momento della mia vita in cui ho ripreso il controllo di me stessa, come Sofie sono rinata e il mio augurio a tutte le donne è proprio quello di rinascere dai propri errori, dai propri passati e prendere in mano la vita, reagire sempre ed essere felici.


5. Quale opera è seguita a questa e che riscontri hai avuto?

RISPOSTA:

Un'estate a Rimini per innamorarsi di Antonella MaggioDopo “Profumo d’amore a New York” ho voluto ripubblicare una seconda edizione del mio primissimo romance, “Un’estate a Rimini per innamorarsi”. Credo molto in questa storia e per fortuna anche i lettori hanno apprezzato e amato Vito e Camilla, al punto di chiedermi un seguito. Poi ho continuato a pubblicare con Butterfly Edizioni, in ordine “Manchi solo tu”, “Questo nostro dolce Natale”, “Sfida d’amore a San Valentino”. In self ho pubblicato anche un romanzo scritto a quattro mani con Rujada Atzori, “Un weekend per quattro”. Abbiamo preso i protagonisti di due nostre storie e li abbiamo fatti incontrare per creare una commedia romantica a tratti un po’ folle. Quali riscontri ho avuto? Ammetto che non mi sarei aspettata mai tanto entusiasmo, sono felice anche se ammetto che preferirei ricevere qualche recensione in più, solo per capire se effettivamente le mie storie piacciono ai lettori o meno.


6. Sei un’autrice romantica per natura o hai scritto opere che ti hanno ispirato anche altri generi?

RISPOSTA:

Per natura sono romantica, ma solo nei miei scritti. Ho avuto modo di scrivere anche altro. Sono partita con il fantasy e poi, scrivendo su una piattaforma di scrittura collaborativa, ho avuto il piacere e la fortuna di improvvisare altri generi scrivendo a più mani. Ho vinto anche la pubblicazione cartacea di un racconto di fantascienza durante un concorso della Fabbri Publishing (ma all’interno della storia c’era sempre la componente romantica).

7. Quante opere pubblicate hai al tuo attivo?

RISPOSTA:

All’attivo sono a quota 7 romanzi, tolti dal conteggio quelli che avevo pubblicato in self perché ho intenzione di rivederli e valutare o meno una seconda edizione.


8. Quale ti ha dato maggiori soddisfazioni e cosa ti è stato detto?

RISPOSTA:

Indubbiamente il romanzo che mi ha dato maggiori soddisfazioni e che continua a darmene, nonostante sia trascorso quasi un anno (a marzo), è “Profumo d’amore a New York”. Ho ricevuto molti pareri positivi e anche tanti altri negativi che in un primo momento mi hanno lasciata spiazzata. Ero nuova nell’ambiente ed ero pronta ad appendere la penna al chiodo. Mano mano che ti addentri nel settore, impari poi come ci si comporta, impari a riconoscere una critica costruttiva da una messa in atto per ferire o danneggiare.


9. Parla della tua nuova opera pubblicata…

RISPOSTA:

La mia nuova opera, fresca di pubblicazione, è “Sfida d’amore a San Valentino”. Questa storia è nata come una sfida, da una specie di brainstorming tra me e la mia editrice. Io per prima non amo le feste commerciali come San Valentino, spesso diciamo che bisognerebbe amarsi tutti i giorni dell’anno ma durante la quotidianità, assorbiti dalla vita frenetica che abbiamo, ci dimentichiamo anche di dimostrare i nostri sentimenti o semplicemente di affermare il nostro amore. Ecco dunque Ethan e Nicole, entrambi delusi dalla vita e dall’amore, pronti a sfidarsi per dimostrare chi dei due è più romantico cercando al contempo di non farsi sopraffare dai sentimenti.


10. Raccontaci qualche novità prossima… cosa dobbiamo aspettarci ancora di nuovo? 

RISPOSTA:

Novità? Al momento ho in programma altre tre pubblicazioni. Partecipo a un’antologia a scopo benefico, l’intero ricavato andrà ad HHT onlus, un’associazione di cui io stessa faccio parte in quanto promuove una malattia genetica rara, la Teleangectasia Emorragica Ereditaria di cui sono affetta. Pubblicherò un romanzo con Les Flanuers Edizioni, data e titolo ancora da decidere. E poi arriva il seguito del mio Rimini, richiesto proprio dai lettori, spero di pubblicarlo in primavera.

Grazie per la tua cortesia e disponibilità.

 

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Un pensiero su “Intervistiamo l’autrice dei record: Antonella Maggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...