Intervista a Tiziana Valenti, parliamo di romanzo storico

Salve lettori del blog e trovati al Club Letterario The Pink Cafè, oggi proponiamo una nuova intervista, abbiamo avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con l’autrice Tiziana Valenti, autrice di romanzi storici, ci parlerà della sua passione per la scrittura e del romanzo di ultima uscita: Neve al sole.

5179vejcczl-_sx319_bo1204203200_
su amazon qui

1. Come nasce la passione per la scrittura? Quando è scattato in te il passo decisivo per provarci seriamente e dire: ora pubblico?

La mia passione per la scrittura nasce quando ero ancora una bambina, la mia fantasia era così fervida che dovevo mettere tutto su carta! Ovviamente erano racconti strampalati, ma ricordo ancora quei momenti magici come fosse ieri! Crescendo ho modificato il mio stile e trasformato i racconti in romanzi veri propri ed è stato lì che ho capito che il mio sogno più grande sarebbe stato quello di pubblicare e far leggere a chiunque volesse i miei libri. Questo sogno è rimasto nel cassetto per tanto tempo ed è stato mio marito, per il mio compleanno, a farmi una grandissima sorpresa: il mio primo libro pubblicato con una piccola casa editrice!! Da lì in poi è scattato in me il pensiero che sì, potevo far conoscere agli altri i miei romanzi.

2. Parliamo del tuo ultimo libro, Come neve al sole, copertina molto bella devo dire, chi è la protagonista Nadja Nikolàevna Imànova, e come hai realizzato il suo personaggio? Fantasia, ispirazione o qualcuno di tua conoscenza ti ha dato l’input per caratterizzarlo?

La protagonista di Neve al sole, Nadja, è un personaggio di pura fantasia, non mi sono ispirata a qualcuno in particolare, prima di iniziare a scrivere cerco sempre di immaginare come dovrebbero essere i miei protagonisti, caratterialmente e anche fisicamente. Ho iniziato a pensare che volevo una donna dal carattere forte, che fosse altera e un po’ snob, per ammorbidirla poi e far capire che esiste sempre un’evoluzione che ciascuno di noi compie nel corso della vita.

3. La Russia, come mai questa ambientazione per il romanzo? Qualcosa ti affascina in particolare?

La Russia è un luogo che mi ha sempre affascinato per la sua storia e per la vastità dei suoi territori. Quando ho iniziato a buttare giù la prima bozza di Neve al sole, volevo esattamente far vivere i miei personaggi in questo contesto.


4. Lo storico è il tuo genere preferito? Hai trattato altri approcci con la letteratura? Se sì, quali?

Il romanzo storico è il mio preferito! Mi piace molto inserire eventi realmente accaduti e far rivivere magari personaggi realmente esistiti, mi affascina molto pensare che posso dar voce a persone che hanno fatto storia (ovviamente con la mia fantasia e senza pretendere niente!) Ho provato a scrivere seguendo un altro genere che mi piace molto e che è il fantasy, ma non mi sono mai cimentata seriamente, esiste solo un piccolo racconto che all’epoca scrissi per inviarlo ad un concorso letterario.


5. Se invece ti chiedessi un genere mai trattato fin oggi, in quale vorresti cimentarti?

Sicuramente vorrei scrivere un vero e proprio romanzo fantasy! Ma forse per me la sfida più interessante sarebbe proprio scrivere qualcosa di contemporaneo, magari in prima persona!


6. Pubblicazione selfpublishing, come mai questa scelta e cosa pensi dell’auto-pubblicazione in generale?

L’auto pubblicazione per me è qualcosa di importante! Credo fermamente che ci siano in Italia tantissimi scrittori che meritano di essere letti, ma che magari una casa editrice non prende assolutamente in considerazione. Alla fine è il lettore che deve giudicare e quindi non posso che essere d’accordo con il selfpublishing!!


7. Quando scrivi hai un rito particolare che segui? Un posto tutto tuo, oppure riesci a scrivere in qualunque luogo e condizione?

Non ho un posto particolare dove scrivere, a volte mi basta avere solo carta e penna! Eh sì, perchè purtroppo o per fortuna, la stesura della bozza iniziale per me deve essere rigorosamente a penna!! Questo è il mio piccolo rituale…


8. Quanto tempo impieghi prima di portare a termine un’opera? E le ricerche, quanto rubano alla scrittura e a quali mezzi ti affidi nel loro svolgimento?

Il tempo. Non sono mai stata rapida a scrivere i miei romanzi perchè perdo un sacco di tempo nelle ricerche storiche, molto spesso mi capita di addentrarmi troppo negli eventi e di perdermi letteralmente! Naturalmente il mezzo che uso di più è internet, si possono trovare informazioni di ogni genere se si sa cercare bene.


9. Prepari una scaletta, una traccia oppure scrivi di getto?

Scrivo di getto, poi in un secondo tempo rileggo e se è il caso, apporto aggiunte e modifiche. Ho momenti di vera e propria ispirazione, momenti in cui devo sedermi e scrivere


10. Torniamo alla tua ultima opera. Ambientazione al periodo di Napoleone Bonaparte, cosa ti affascina di questo periodo storico? Perchè la scelta è caduta su quell’epoca?

Napoleone Bonaparte è il mio personaggio storico preferito. Quando ho iniziato la stesura di Neve al sole, volevo inserire questo grande personaggio, ma volevo rappresentarlo nel momento storico a lui sfavorevole ( non me ne voglia Napoleone, ma è stato divertente descriverlo nella sconfitta!).

Grazie per la disponibilità.

Tiziana Cazziero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...