Evelyn Storm, la rinascita e la rivalsa.

Evelyn Storm è un nome conosciuto da moltissime persone che hanno imparato ad apprezzare le sue storie e soprattutto la sua enorme creatività. La voglia e la passione di prendere in mano le sorti della sua energia artistica e di trasformarla in materia pura tra scritti e immagini, storie e dipinti, ma non solo, perché Evelyn è questo e molto altro quando ci accorgiamo che riesce a divenire anche musa ispiratrice e a posare per molte immagini davvero strabilianti.
Le sue opere più conosciute sono state apprezzate a più riprese, spesso rivisitate e rieditate, spesso riproposte in chiavi nuove e autentiche, raccolte dalla stessa autrice per dare loro una nuova vita per il loro futuro.
Evelyn è un’artista a tutto tondo che ha saputo realizzarsi studiando concretamente e soprattutto preparandosi come si deve.
Ha frequentato un corso triennale di illustrazione alla Scuola del Fumetto, si è districata, quindi, nell’ambito artistico in più ruoli, facendosi apprezzare come illustratrice e grafica, si è occupata di disegni e copertine, ha vinto il secondo premio al concorso artistico di disegno “The Leprechaun – Made me draw it” e ha vinto il concorso per la realizzazione dell’illustrazione destinata al racconto “Gli acquarelli della vita” di Peg Fly.
Ha curato le cover di diverse autrici e lavora in modo appassionato in qualità di scrittrice. Molti suoi lavori sono stati apprezzati e venduti a più riprese e in diverse edizioni.
Ricordiamo le sue opere più conosciute e apprezzate: “Le note del destino“, “La voce del sentimento“, “Vorrei essere te“, “Affari di cuore a Madrid“, “Una notte a Londra“, “Tu, come una valanga“, “Incontriamoci allo Sweet Temptations” e il nuovo racconto di Natale “Don’t leave me for Christmas” di cui parleremo in questa intervista.

Ciao Evelyn e benvenuta al nostro club letterario. Innanzitutto ti chiedo di cosa ti stai occupando in questo momento. Se di grafica o di scrittura.
RISPOSTA:
Ciao Tiziana, grazie mille per la tua descrizione su di me e per questa tua intervista. In questo momento sto illustrando dei racconti per un’antologia benefica che, spero, uscirà presto. Inoltre, sto rimettendo mano a tutti i miei ebook e ai cartacei.

Le tue opere artistiche, sia illustrative che letterarie, sono state tutte molto apprezzate. Ti va di parlarci di questa tua doppia attività?
RISPOSTA:
Certo. Fin da piccola mi è sempre piaciuto fare quattro cose: cantare, ballare, scrivere e disegnare. Alla fine, crescendo, mi sono dedicata alle ultime due. Per quanto riguarda le opere artistiche, sono passata dai ritratti, dai biglietti personalizzati e dai quadri alle copertine e ai banner per altre/i autrici/autori. Diciamo che le prime erano tutte disegnate, ora sono passata alle foto o al mischiare disegni e foto. Per quanto riguarda la scrittura, ho abbandonato i fumetti e le poesie per concentrarmi sui racconti e sui romanzi. Di solito li faccio poi uscire in self publishing, ma qualche storia spero di pubblicarla con qualche casa editrice. Infine, essendo anche blogger, attualmente scrivo per il blog della casa editrice “Omnia One Group Editore”, oltre che a postare notizie varie sui miei due blog. Più che altro faccio spam a me stessa e agli altri autori, nel senso che pubblicizzo i loro libri e, in rari casi, li recensisco anche.

Come è nata la passione per l’illustrazione e quella per la scrittura?
RISPOSTA:
Come dicevo prima, tutto è nato spontaneamente, da piccola. In famiglia ho parenti che sono stati scultori e in diversi hanno dipinto, quindi la passione per l’arte mi sa che l’ho ereditata. E la stessa cosa posso dirla per la scrittura. Quando ero piccola mia madre mi raccontava storie bellissime, tutte inventate di sana pianta. Peccato solo non averle trascritte.

Riesci a combinare bene le due attività? Ce n’è una che preferisci rispetto all’altra?
RISPOSTA:
Ci sono momenti in cui scrivo e basta. Ci sono momenti in cui alterno le due cose e momenti in cui disegno biglietti, quadri ecc. Dipende dalle richieste e dalle festività. Scegliere una delle due attività è dura, perché mi piacciono entrambe.

Ma ora parliamo della seconda edizione del tuo racconto “Don’t leave me for Christmas“. Come mai hai scelto un titolo in Inglese?
RISPOSTA:
Ho scelto un titolo in inglese per tentare di essere letta di più anche all’estero, nonostante il testo comunque sia in italiano. Dato che c’ero, ho rimesso a posto alcune parti e per l’occasione, ho scelto di cambiare anche la copertina.

dont-leave-me-for-christmas-di-evelyn-storm

Ci racconti in breve la trama e cosa è cambiato in questa nuova edizione rispetto alla precedente?
RISPOSTA:
Questo libro andava già abbastanza bene così, ho solo reso più fluide alcune frasi e ho messo a posto delle piccole imperfezioni. Ovviamente la copertina è il pezzo forte di questo cambiamento, creata da Pamela Boiocchi che, con me, fa parte della Storm Graphics. Almeno un lavoro in meno, dato che sono presa da altro. Comunque, la trama è molto semplice: una fotografa freelance americana si innamora di un pasticciere di torte-sculture canadese. Sarah viene così ricambiata da Jed, ma cede alle lusinghe del collega di Jed e viene scoperta sul fatto proprio da lui. C’è quindi una frattura nel loro rapporto. Nel frattempo, però, il Natale è alle porte e Sarah torna dalla sua famiglia. Tra caminetti accesi, la neve, le decorazioni natalizie e i dolcetti davanti al camino, il lettore verrà accompagnato a scoprire che ne sarà della relazione tra i due innamorati.

So che stai realizzando nuove edizioni di diverse tue opere. Quali e cosa devono aspettarsi i tuoi lettori?
RISPOSTA:
La verità? Ho deciso di rimettere mano a otto dei miei libri: “Tu, come una valanga“, “Le note del destino“, “La voce del sentimento“, “Una notte a Londra“, “Don’t leave me for Christmas“, “Affari di cuore a Madrid“, “Vorrei essere te” ed “Evanescent Appearances“. Veramente ci sto ancora lavorando. Ciò significa che alcune storie saranno magari corrette in alcune parti, altre avranno dei tagli o dei cambiamenti più marcati, ma bene o male le storie sono quelle. Questo perché voglio che i miei libri editi possano apparire al meglio per poi dedicarmi a nuove storie.

In questo momento, se dovessi descrivere il tuo cassetto dei sogni, come ne parleresti? Cosa contiene da voler condividere con noi?
RISPOSTA:
I sogni sono sempre tanti. Posso dire che vorrei pubblicare tutte quelle storie che sono in programma da tempo, anche se devo scriverle da zero o quasi. E poi… che punto a certi traguardi che non ho ancora toccato. Mi fermo qua o non si avverano.

Grazie per la tua disponibilità e in bocca al lupo per tutto!
RISPOSTA:
Grazie a te. Ti auguro la stessa cosa.

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...