Federica Rubini si racconta al Pink Cafè.

Oggi chiacchieriamo con un’autrice che si sta facendo conoscere poco alla volta con le sue opere e soprattutto con la sua intraprendenza letteraria.
Come molti di voi sapranno, non è semplice affermarsi nel settore editoriale e, men che meno, farsi conoscere, soprattutto quando si muovono i primi passi e non si sa bene da dove cominciare o in che direzione andare.
Federica Rubini è una ragazza interessante e che sa il fatto suo. Si sta muovendo con cautela e molta attenzione nel settore che ama e per il quale sembra voler dedicare molto del suo tempo.
La sua prima opera letteraria è uscita nel 2015 e si intitolava “Caccia al tesoro“, un thriller interessante che, di certo, le ha spianato la strada per permetterle di fare esperienze ancora più interessanti.
La seconda opera, pubblicata quest’anno, si intitola “Tutti i condomini hanno i loro piccoli segreti” e appartiene allo stesso genere del primo.
Presto, però, uscirà anche con un’altra opera, ma di tutt’altro genere, almeno così sembra a giudicare dal titolo “Il Toy Boy“. Non anticipiamo niente al momento, ma parliamo direttamente con questa giovane autrice per conoscerla meglio e farci raccontare ciò che ha in cantiere.
Ciao Federica, grazie di aver accettato questa intervista a The Pink Cafè. Vorrei chiederti, in primis, quando hai cominciato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?
RISPOSTA:
Ho iniziato a scrivere ai tempi delle medie così quasi per caso. Scrissi una storia che riguardava le avventure di una famiglia di cavalli, rileggerlo ora è imbarazzante! Ho scoperto poi che i miei testi riscuotevano commenti positivi e allora ho continuato, ho fatto diversi corsi di scrittura, ho partecipato a molti concorsi, non ne ho mai vinto nessuno ma ho avuto molte soddisfazioni.

Da cosa nasce questa tua vena artistica dedita al genere thriller?
RISPOSTA:
Ho sempre amato il genere, prediligendo l’horror tra i due, forse merito di mamma che fin da quando ero bambina si guardava in TV Jessica Fletcker, il tenente Colombo e altri personaggi del piccolo schermo e io li guardavo insieme a lei, inoltre ho sempre avuto una fervida immaginazione: uno scricchiolio diventava un mostro, una folata di vento un fantasma, quindi ho portato su carta ciò che provavo e pensavo.

Raccontaci in breve le tue prime due esperienze letterarie inerenti questo genere.
RISPOSTA:
“Caccia al Tesoro” lo scrissi tra i 16 e i 18 anni, fu una bella esperienza, mi misurai per la prima volta con un’opera tutta mia (fino a quel momento avevo pubblicato solo in antologie). La mia soddisfazione più grande sarebbe che diventasse un libro cartaceo.
“Tutti i Condomini hanno i Loro Piccoli Segreti”, nasce dal racconto di una mia collega di un corso di scrittura, ci raccontò una sera ad un aperitivo che viveva in una casa in cui c’era stato un delitto. Scrissi la storia e gliela feci leggere, rimase molto colpita! Tutt’ora sono molto soddisfatta di quella mia pubblicazione, perché mi diede anche la possibilità di collaborare con Sara Adanay un’ottima grafica, che consiglio a tutte e tutti.

La tua prossima uscita, però, sembra un’opera appartenente a tutt’altro genere. Si intitola “Il toy boy” e sembra davvero interessante. Ti va di parlarcene?

il-toy-boy-di-federica-rubini

RISPOSTA:
Il mio prossimo e-book sarà erotico/romantico, un genere in cui da tempo volevo cimentarmi, uno per mettermi alla prova in un genere mai provato prima, che vende bene in Italia, due perché spesso mi vengono in mente storie d’amore che però non sempre arrivano su carta ed era ora di iniziare a farlo.
Colgo l’occasione per ringraziarti, Tiziana (Iaccarino) perché se non avessimo parlato una sera su Facebook chissà per quanto tempo ancora Maria ed Emanuele e gli altri personaggi che compaiono nel mio testo sarebbero rimasti nell’oblio. A dir il vero sto già cominciando a pensare ad un possibile seguito…

Quando uscirà esattamente questa storia?
RISPOSTA:
Il mio nuovo e-book uscirà il 13 dicembre. A breve svelerò la copertina che è sempre ad opera di Sara Adanay. Se qualcuno che mi sta leggendo volesse seguirmi sui social (su cui sono attivissima) può farlo tramite
Facebook – @FedericaRubiniScrittrice
Twitter – https://twitter.com/Federica_Rubini

Se dovessi tirare fuori dal tuo cassetto un altro sogno, quale tireresti per primo tra tutti quelli che sicuramente contiene?
RISPOSTA:
Riuscire a pubblicare con una casa editrice e avere quindi un mio pubblico. Dal cassetto ne uscirebbero molti di sogni, non so quali di questi diventeranno realtà, ma una cosa voglio fare: laurearmi e trovarmi un lavoro nel settore della comunicazione.
Grazie a Voi di Pink Cafè per l’opportunità datami e grazie anche a tutti i lettori e le lettrici che hanno letto la mia intervista, dedicandomi il loro tempo.

Grazie ancora per la tua disponibilità e in bocca al lupo per tutto!

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...