Interviste

Un incontro felice tra Sara Purpura ed Erika Cotza.

Le conosciamo, perché si sono fatte apprezzare con le loro opere letterarie nel tempo e con la pazienza e la costanza che questo tipo di attività e di passione necessita per crearsi una carriera degna di questo nome.
Sara Purpura ed Erika Cotza sono autrici che stanno facendo un percorso più che lusinghiero e interessante. Apprezzate, seguite, amate, recensite, criticate, commentate e, certamente, lette anche singolarmente, ora hanno deciso di scrivere una storia a quattro mani che stupirà e di sicuro si preannuncia come uno dei loro più grandi successi letterari.
“L’amore è un incidente meraviglioso” sarà su Amazon dal 15 Dicembre e si prevedono scintille di ogni genere tra chi segue le due scrittrici e chi apprezza, in particolar modo, le storie d’amore.
Parliamone direttamente con loro in questa chiacchierata a The Pink Cafè di modo da conoscere meglio il loro rapporto e questa nuova avventura letteraria.
Ciao a Sara e ad Erika che ringrazio per aver accettato questa intervista e che ritroviamo insieme con la pubblicazione di una nuova storia romantica: “L’amore è un incidente meraviglioso”.
Raccontateci come è nata l’idea di scrivere insieme e soprattutto come è nata questa storia in particolare.
SARA:
Ciao, Tiziana. L’idea è stata mia, che mi caccio sempre in imprese difficili, ma in Erika ho trovato una socia entusiasta e motivata.
Il romanzo su Destiny e Sebastian è nato senza pretese, dalla voglia di raccontare una storia natalizia piena di speranza e buoni messaggi. Poi si è tinto di altri colori e abbiamo finito per creare due personaggi a loro modo complessi. È diventato di più e ci abbiamo messo e poi lasciato il cuore.
Non è stato difficile lavorare in due, anzi. È stato entusiasmante, una delle migliori esperienze della mia vita che ci ha unito anche umanamente. Dividerci i capitoli, le idee, rimaneggiare ciò che aveva scritto l’altra e innamorarci ogni volta di più della storia e dei personaggi che prendevano vita… be’, è stato prezioso. Scrivere è magico, ma quando la scrittura si condivide diventa una sorta di terapia. È tutto amplificato e allo stesso tempo l’euforia allevia la fatica, quindi sì, l’esperienza è da rifare e non è escluso che la ripeteremo al più presto. Da parte mia ce n’è tutta l’intenzione.

ERIKA:
Ciao Tiziana. Come dice Sara, l’idea è stata sua e ti assicuro che per me è stato un vero onore collaborare con lei. Riguardo la storia, ha già detto tutto Sara. Eccome se ripeterei l’esperienza! Mi son divertita un sacco.

Il titolo “L’amore è un incidente meraviglioso”. Come è stato scelto? Da entrambe o da una delle due?
SARA:
Il titolo l’ho scelto io ed Erika si è detta entusiasta. Non poteva essere un altro, è perfetto per la nostra storia.

ERIKA:
L’ha scelto Sara e me ne sono innamorata subito. È stato un vero colpo di fulmine!

Questa è la storia di Sebastian, un uomo ferito dalla vita e di Destiny che ha una figlia ed è sola, perché non ha mai davvero conosciuto l’amore. Ma chi sono realmente questi due ragazzi?
lamore-e-un-incidente-meraviglioso-di-sara-purpura-ed-erika-cotza

SARA:
Questi due personaggi sono come li hai descritti e nelle loro due storie c’è tanto: risentimento, afflizione, delusione, abbandono, forza e amore. Quest’ultimo in varie forme, perché l’amore non è solo romantico e Sebastian e Destiny ne esplorano ogni forma.
Li ho amati.
Mentre li creavo, mi sono affezionata a ogni debolezza, perché me li faceva sembrare più veri; ho amato il loro percorso e come sono arrivati all’epilogo, la loro forza e il coraggio di ricominciare.
Li amo… ma forse l’ho già detto.

ERIKA:
Sebastian e Destiny sono due anime gemelle che non si erano ancora incontrate. Due persone che per essere felici devono stare assieme. Ecco il perché della parola amore nel titolo. Non è messa lì a caso, l’amore è il nucleo di tutta la storia.

Chi o cosa vi ha ispirato questa storia e che tipo di atmosfera vi troveremo? Dove è ambientata?
SARA:
La storia è ambientata a New York. L’atmosfera è natalizia, ma non solo. Non c’è stato un fattore scatenante che ci ha ispirate. È nato prima Sebastian, poi la necessità di mettergli accanto una donna forte e infilarlo in una situazione che lo avrebbe messo alla prova.

ERIKA:
Per quanto mi riguarda, New York è una città magica e vicino al Natale lo diventa ancora di più. Fin da piccola amo questa festa e ti assicuro che da sempre è una delle mie migliori ispirazioni.

Il genere romantico vi accomuna, probabilmente, ma quale preferite scrivere o per il quale vi sentite maggiormente portate?
SARA:
Non è un mistero, il mio genere è il Rosa. Sono una scrittrice dalle tinte fortemente romantiche. Mi piace sperimentare, osare, contaminare con altri generi le mie storie, ma amo l’amore e per quanti giri io possa compiere è lì che torno sempre.

ERIKA:
Forse sono maggiormente portata per l’erotico, ma non ne sono più così certa. Ultimamente le mie storie hanno una componente erotica molto forte ma la storia non è mai incentrata su quello. In realtà, non ho ancora capito quale sia il mio genere, però son certa che deve esserci l’amore. Non può assolutamente mancare.

Il prossimo passo sarà…?
SARA:
Il prossimo passo sarà terminare la stesura della mia trilogia, A time for love, poi c’è un altro progetto in cantiere di cui però è prematuro parlare. E dopo, chissà… magari un atro libro scritto con Erika…

ERIKA:
Un romanzo con Sara, assolutamente. Ci conto! Io ho due romanzi in cantiere, ma non ho ancora idea di quando riuscirò a finirli e pubblicarli. Al momento preferisco dedicarmi totalmente al mio piccolo ometto.

Apriteci il vostro cassetto dei sogni, singolarmente, infilateci una mano e diteci cos’è che riuscite a tirare fuori prima di tutto.
SARA:
Questa è una domanda facile. Il mio sogno non è per me ma per i miei figli, ed è che riescano a realizzare i loro sogni. Sogno di vederli felici.

ERIKA:
Vorrei essere una brava madre. Mi basta solo questo.

Grazie per la vostra disponibilità e gentilezza e in bocca al lupo per tutto!

Tiziana Iaccarino.

Annunci

1 thought on “Un incontro felice tra Sara Purpura ed Erika Cotza.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...