ROSSO.

Ero titubante se recensire quest’opera. Il motivo è semplice. Ho avuto il sospetto che fosse autobiografica e mi ha imbarazzato, ma non solo… l’esperienza raccontata mi ha fatto un attimo pensare.
Rosso” è la prima storia erotica autopubblicata dall’autrice Sherry Loà. Italiana, ma ha uno pseudonimo e sembra si sia cimentata nella stesura di una storia nella quale avrebbe raccontato quel che non avrebbe mai sperimentato (ma le sarebbe piaciuto).
Dunque, Luana… alter ego dell’autrice, è una ragazza italiana che va a fare la cameriera in un locale aperto da amici a Londra, lì conosce un uomo misterioso che fa sempre la stessa ordinazione: tè rosso e scones (tipico dolce inglese) e sembra fissarla. La ragazza ne sembra affascinata e ha occasione di conoscerlo per caso ma, allo stesso modo, è dubbiosa. Non sa se fidarsi, è pur sempre uno sconosciuto, anche se ne sembra quasi attratta dal primo momento.
In questo modo, inizia tra loro una storia di sesso allo stato puro… sesso fine a se stesso e, in parte, provocatorio e sperimentale per lei, e qui quando vi dico “sesso sperimentale” non posso anticiparvi molto, ma dirvi che il tipo sa farci e sembra sia in grado di farla godere anche in modi insoliti e con l’utilizzo di “oggetti insoliti”. Se pensate a qualche sexy toy vi sbagliate di grosso… anzi, direi qualcosa di molto, ma molto più naturale e, in parte, forse persino più eccitante, non saprei.

A un certo punto, però, qualcosa o qualcuno, per la precisione una nuova presenza, sembra sconvolgere le aspettative di Luana nei confronti di quell’uomo dal passato scomodo alle spalle, un passato nel quale la parola sesso è quasi proibita, perché usata per distruggere una relazione che sembra tornare a tormentarlo.

cover

Adam, questo il nome dell’uomo, nasconde ben altro, in effetti, dietro la sua aria seriosa e compiaciuta, la sua elegante disinvoltura e il suo sorriso ammaliante, le sue mani da pianista, leggere, delicate e sicure, il suo sguardo penetrante e la voce profonda e virile, e solo Luana sarà in grado di scoprirlo, tra una scena a luci rosse e l’altra, dove le aspettative proibite del lettore, vi assicuro, saranno più che assecondate.

Non so se può piacere questa storia, ma penso sia interessante quel che c’è dietro. Penso che l’autrice avrebbe potuto sviluppare meglio il passato dell’uomo, in modo da rivelarne anche i lati oscuri e, allo stesso modo, rendere la storia più completa e ricca di dettagli.
Ma sarete voi a giudicare, forse, meglio di me.

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...