L’autrice Virginia Scarfili ci racconta la sua opera “Luna per Aria”.

Sono stata alla sua presentazione letteraria avvenuta lo scorso 6 maggio a Cesena e mi ha fatto molto piacere conoscere più da vicino la sua opera e ancora meglio lei come persona e autrice.

Virginia Scarfili è un’autrice molto interessante, una cultrice dei libri e della letteratura, un’insegnante di dizione e una voice coach molto attiva che mi ha fatto molto piacere conoscere e che seguo, grazie alla sua intraprendenza e tenacia.

Le ho proposto questa intervista per The Pink Cafè così da permettere a tutti di conoscerla ancora di più in qualità di autrice e di seguire meglio il suo percorso editoriale.

Virginia, tra l’altro, spazia molto nei generi letterari, passando dalla commedia al fantasy con grande disinvoltura.

È autrice anche della divertente e piacevole opera “Fuori di dieta” pubblicata nella collana digitale YouFeel dalla Rizzoli e del fantasy “Luna per Aria” pubblicato da libro/mania.

Ciao Virginia, grazie per aver accettato questa intervista che ci permetterà di conoscere meglio il tuo percorso. Comincio con il chiederti quando hai iniziato a dedicarti alla scrittura e con quale opera.

RISPOSTA:

Ciao Tiziana, grazie mille per il tempo dedicatomi. Ho sempre scritto, fin dal liceo mi dedicavo con passione ai temi e ho continuato con le tesine all’università anche non richieste, poi, per caso, ho iniziato a scrivere il mio primo romanzo proprio scrivendo “Luna per Aria”.

Qual è stata la tua primissima opera pubblicata?

RISPOSTA:

Luna per Aria” è stata la mia primissima opera pubblicata, quello che io considero il mio terzo figlio in carta e ossa (i primi due sono figli reali in carne e ossa).

Come nasce l’opera “Fuori di dieta”?

RISPOSTA:

Da tempo pensavo di scrivere una storia basata sulle diete e su quello che comportano nel panorama femminile. Volevo unire l’ironia alla crudeltà di certi atteggiamenti, creando anche un articolo giornalistico che, infatti, ho inserito alla fine della storia. Ero in macchina quando mi è venuta l’idea e una volta partita con la scrittura è stato veramente facile imbastire la storia, a differenza di “Luna per Aria” che è più cerebrale e complicato.

Parliamo ora di “Luna per Aria”, un fantasy che fa parte di una serie. Ce ne parli?

RISPOSTA:

Non è facilissimo parlare di “Luna per Aria”, un fantasy sì, ma molto più terreno di quanto non si possa pensare. Raccontarne la trama risulterebbe banale perché ci sono moltissimi argomenti all’interno della storia meta letteraria, c’è una storia all’interno della storia ed è quella che dà il vero via al libro.

Due amiche, Luna e Aria appunto, scoprono un libro segreto, appartenuto alla nonna di una delle due e, attraverso la lettura, scopriranno che tutte le persone che le circondano nascondono un segreto e di segreto in segreto verranno fuori molte verità scomode e spesso dure da digerire e gestire, saranno le inconsapevoli prescelte di una vita già decisa per loro di generazione in generazione.

Ci sarà un seguito, quindi, di quanti volumi?

Virginia Scarfili alla presentazione del suo libro

RISPOSTA:

Ci sarà un seguito, il primo volume finisce con un dubbio che verrà svelato subito all’inizio del secondo volume già work in progress.

Ho previsto tre volumi, ma non si sa mai…

Come è stata accolta l’opera dal pubblico e da chi ti conosce?

RISPOSTA:

Sono sincera, il libro ha iniziato ad essere visibile da quando è uscito il cartaceo, in ebook era come appeso lì in attesa.

Dopo le presentazioni, in particolar modo, ho scoperto che la gente ne parla. La cosa più bella è la sorpresa da parte dei lettori, mi dicono quasi tutti la stessa cosa: è un libro che non ti aspetti, curato nei minimi dettagli e anche un po’ complicato, insomma cose belle.

Quali sono i generi letterari che ami leggere e quali quelli per i quali ti senti più portata e predisposta a scrivere?

RISPOSTA:

Amo leggere in generale tutti i generi, l’unico al quale non riesco ad avvicinarmi molto è l’horror e infatti non ho letto molto a parte qualche testo di Koontz e King e mi fermo lì.

Ho scoperto di saper scrivere il genere fantasy per caso e non mi è dispiaciuto affatto, sono poi passata al chick-lit che mi ha divertita moltissimo e adesso sto scrivendo altri due generi diversi: un romance, il mio primo e devo dire che anche questo mi sta appassionando e poi ho un altro genere iniziato da poco, si tratta di una saga familiare, immagino possa inserirsi nella più classica narrativa.

Insomma non mi faccio mancare nulla.

Ancora una domanda: se infilassi, in questo momento, una mano nel tuo cassetto dei sogni, cosa tireresti fuori per prima?

RISPOSTA:

Anche i miei sogni sono eclettici come la mia scrittura e non saprei proprio quale tirare fuori per primo anche perché io sogno in grande, mio padre mi ha insegnato a mirare sempre in altissimo, figurati dove arrivano i miei sogni!

Grazie per la tua disponibilità e in bocca al lupo per tutto!

RISPOSTA:

Grazie a te.

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...