“Proibito Amarti”. Una storia che merita di essere consigliata, letta, regalata, riletta, ripresa e certamente trasmessa con il passaparola.

Quando ho iniziato a leggere questa storia sono riuscita a entrare quasi subito tra le pagine che raccontano le vicende della protagonista, Cassandra. Probabilmente è l’effetto che offre il racconto alla prima persona, tipo di scelta che, da autrice e anche da lettrice, ho sempre particolarmente apprezzato e amato.

Leggendo la storia di Cassandra, però, ho provato una sensazione molto forte, che mi è capitato pochissime volte ovvero quella di sentirmi parte della vita della protagonista, di vivere con lei i suoi pensieri, i suoi desideri, le sue paure, le sue angosce e i suoi dubbi.

Mi sono detta… “ogni lettrice può sentirsi come Cassandra, soprattutto se ama la scrittura.”

Cassandra, infatti, è una scrittrice e come tale ci fa entrare all’interno di un settore che, chi scrive realmente, conosce bene, ma non è stato questo genere di familiarità a farmela apprezzare e sentire tanto vicina, quanto la riuscita sensazione di grande umanità che l’ha resa vera agli occhi di chi la legge. Cassandra è vera e si sente. Lo si percepisce, rigo dopo rigo.

L’autrice si è impegnata molto per renderci partecipi della vita di questa scrittrice in crisi con se stessa e con gli altri, dal passato divenuto off limits a causa di una tragedia e dal futuro incerto, perché qualcuno si era degnato di metterle i bastoni fra le ruote, in modo da danneggiarne la carriera. Ma non è di questo che dobbiamo parlare ora. Ma di altro.

Di Ben.

Chi è Benjamin, in realtà?

Un ragazzo molto più giovane della protagonista. Un suo studente all’interno del corso di scrittura creativa nel quale lei deve fare la tutor. Un incontro inaspettato, ma forse deciso dal destino o chissà da cosa e i due restano senza fiato, si scrutano dal primo momento, si studiano a dovere, si tengono lontani fino a quando è possibile farlo, senza rendersi conto dello sforzo da compiere per negare l’attrazione e la voglia di offrirsi all’altro, senza alcuna ritrosia.

Lei che non ha mai creduto al colpo di fulmine e lui che scopre di volerla, sarà la lotta intestina più forte che potrete scoprire all’interno di una coppia in cui troverete una grossa differenza di età: lei quarant’anni e lui venticinque. Ma, che lo si voglia o meno, quindici anni di differenza, sono tanti, tantissimi e la società li ignora solo quando è l’uomo a essere più adulto, ma se è lei quella più attempata, per modo di dire, in questo caso, lo scandalo è a portata di mano.

Eppure in questa storia si respira un’aria familiare. C’è qualcosa di più, qualcosa che non riesco a esprimere nel migliore dei modi. Io mi sono sentita parte integrante di questa storia, leggendola, sono entrata nella vita dei protagonisti, ho visto i luoghi in cui si sono incontrati, li ho guardati negli occhi quando loro si fissavano e ho sentito parole sofferte, ma vere, forti e a volte ribelli, eppure assolutamente straordinarie.

La scrittura è come un amante, a volte ti inebria, altre ti fa disperare.

Ci sono parole scritte dall’autrice Tiziana Cazziero che restano dentro, che hanno costruito le fondamenta di una bellissima storia come questa ma che, allo stesso tempo, raccontano qualcosa di molto più profondo e veritiero di ciò che si possa immaginare.

E poi ci sono loro, due protagonisti appassionati, ma apparentemente diversi. Lei è adulta, una donna in carriera, sola, disperata, dal passato oscuro, un passato da dimenticare e lui… Ben come Cassandra ha i suoi fantasmi eppure è più bravo a nasconderlo… lui si innamorerà follemente e lei dovrà cedere, perché quando l’amore ti chiama, non puoi ignorare la sua voglia di renderti sua.

Proibito Amarti di Tiziana CazzieroAveva un odore inebriante, capace di farmi ubriacare di lui al solo pensiero di noi due nudi, insieme, rapiti dal piacere carnale.

Lo stile della scrittrice è inconfondibile, dettagliato, come piace a me, deciso, spesso articolato, a volte più fluido, e si lascia apprezzare in tutta la sua consapevole maturità.

Questa storia è tra le più belle che Tiziana Cazziero abbia mai scritto. Avevo pianto leggendo “Amore tormentato“, sono entrata a vivere nella storia con i suoi protagonisti e sentendomi parte integrante di essa in “Proibito Amarti” e… scusate se è poco.

L’autrice sa bene quali tasti toccare per emozionare, commuovere, far pensare e ritornare sui propri passi.

Non voglio spoilerare, ma questa storia contiene anche dei tosti e sani colpi di scena, di quelli che non vi aspettereste, leggendola, ma quando arrivate alla fine, saprete che la lettura vi ha dato qualcosa che non possedevate all’inizio.

Una storia che merita di essere consigliata, letta, regalata, riletta, ripresa e certamente trasmessa con il passaparola.

Credetemi.

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...