anteprima, Chiacchieriamo, Consigli librosi, Curiosità, Eventi, Novità, Presentazioni letterarie

Chiacchierata pre-festiva con l’autrice di talento Simona Liubicich.

Chi non conosce l’autrice Simona Liubicich?

Un’artista che si è fatta apprezzare sia per le sue doti artistiche che per quelle umane e soprattutto per le sue pubblicazioni d’indiscusso e interessante valore artistico e culturale.

Simona è un’autrice che è passata dal self alle case editrici più importanti, tra cui ricordiamo Harper Collins Italia e Mondadori, riuscendo a raccogliere una schiera di aficionados che, di certo, non la mollano più.

Per me è sempre un piacere poter chiacchierare con lei, in modo da presentarvi le sue novità letterarie, ma soprattutto il suo lungo e faticoso lavoro da scrittrice con la S maiuscola.


Ciao Simona, grazie di aver accettato questa intervista per il nostro club The Pink Cafè che è già entrato nella sua nuova veste. Magari ci beviamo un aperitivo e ci presenti la tua nuova opera letteraria “Allo scadere della Mezzanotte” in uscita il 20 dicembre. Parlaci, in primis, del momento in cui è nata questa storia.

RISPOSTA:

Ciao ragazze, sempre molto felice di stare in vostra compagnia, specialmente in questo periodo dell’anno, è quello che preferisco in assoluto. Il Natale mi mette sempre allegria addosso.

È la prima volta che mi metto in discussione con un Time Travel Romance. Mi sono sempre piaciuti e quest’anno, complice il romanzo natalizio, ho voluto osare. È una storia che vi riporterà indietro, nel periodo Vittoriano (lo so, sono maniaca di quel lungo momento storico…) durante il periodo di Natale, ovviamente, ma in una forma diversa, perché lei questa volta appartiene al futuro, ai giorni nostri e il salto temporale porterà un sacco di problemi…

Come hai scelto il titolo “Allo scadere della Mezzanotte” e a che genere appartiene la storia?

RISPOSTA:

Partendo dal presupposto che i titoli sono sempre stati il mio punto debole – non ho la minima inventiva – è stata la mia cover graphic, Devi Rose, a suggerirmelo e credo sia proprio quello più adatto all’opera, alla trama e ai personaggi che lo caratterizzano.

Chi è la protagonista e a cosa andrà incontro?

RISPOSTA:

Agatha Sullivan è una donna come noi, del 2016: moderna, libera ed emancipata, femminista convinta. Potete solo immaginare che cosa le accadrà quando sarà catapultata in un mondo che ha solo visto attraverso i libri di storia, ma mai toccato con mano, mai coinvolta davvero in quella che fu la condizione della donna vittoriana.

Ora dovrà farci i conti di persona e col suo carattere battagliero… saranno scintille.

Quali sono gli ingredienti che caratterizzano quest’opera?

RISPOSTA:

Ricerca storica e culinaria del periodo, usi e costumi, mappature e descrizioni veritiere, il tutto condito da un’atmosfera comica – dato il carattere di Agatha – romantica e con un po’ di sesso, ma non troppo, come nel mio stile.

Secondo te, cosa si aspetta il pubblico da ogni tua novità letteraria?

RISPOSTA:

Credo sempre qualcosa di nuovo, anche se il mio genere è lo storico. Io cerco di dare alle mie lettrici un motivo per dire, alla fine del libro, che è stato bello, che mi sono impegnata per dare un buon prodotto che sta alla base di tutto il mio lavoro.

Qual è il tuo buon proposito per l’anno nuovo?

RISPOSTA:

Un romanzo di narrativa in lavorazione, un noir e uno storico… Forse anche un altro SP.

Tante sono le idee, poco il tempo a disposizione, ma ce la metto tutta.

Presentiamo a tutti la tua opera “Allo scadere della mezzanotte”.

SINOSSI.

Agatha Sullivan, restauratrice di antiche ville, si ritrova in eredità una casa nei pressi di Folkestone, lungo le bianche scogliere di Dover.

La scoperta è stupefacente, ma sarà ben altro a scuotere l’anima della giovane donna: un varco temporale che la riporta indietro di centodiciassette anni, al 1899, nella stessa casa.
Agatha scoprirà segreti, un mondo completamente diverso e… Lord Thomas Witten di Alkham, nobile banchiere dal fascino irresistibile.

Un’attrazione fatale immersa nell’atmosfera natalizia di fine Ottocento, ma che scadrà il ventisei dicembre a mezzanotte, quando il passaggio si chiuderà per dieci lunghi anni…

Allo scadere della mezzanotte di Simona Liubicich.jpg

Dal 20 dicembre in formato eBook e cartaceo su Amazon.

Grazie per la tua cordiale e generosa disponibilità e in bocca al lupo per la carriera!

RISPOSTA:

GRAZIE A VOI E A TE, TIZIANA!

BUON NATALE!

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...