Chiacchieriamo, Consigli librosi, Curiosità, Recensioni

“Lady Opaline”, la recensione del Pink.

Ho acquistato e letto la prima opera di Virginia Dellamore spinta dai moltissimi consigli e soprattutto dall’entusiasmo che si espandeva nel tempo, a macchia d’olio, intorno alle storie di questa autrice.

Tutti, e dico tutti, a chiunque mi fossi rivolta, mi parlavano magnificamente di lei, lodando le sue opere, tutte storiche, tra l’altro, e definendole eccellenti.

Per la serie: “Un lettore vero non può non apprezzare le storie scritte da Virginia Dellamore”.

Ci ho messo un po’ di tempo per mettermi alla prova, in qualità di lettrice, oltre che di blogger, per leggere almeno una delle sue opere e devo davvero ringraziare tutte le persone che mi hanno consigliato di leggerla, elogiandone le doti letterarie, perché ne sono rimasta affascinata.

Lady Opaline” è una storia incredibilmente meravigliosa.

Tutte le opere di quest’autrice sono ambientate nell’Inghilterra dell’800, e questo mi fa capire, in primis, un’evidente passione della stessa per il romanticismo che aleggiava in quell’epoca nel detto Paese.

Le sue opere dimostrano quanto l’ambito editoriale, grazie al self publishing, si sia arricchito di scrittrici di alta qualità che hanno scelto di donare ai lettori il proprio talento. In questo modo molte autrici hanno dimostrato, nel caso in cui ce ne fosse stato bisogno che, al giorno d’oggi, il self publishing è una soluzione più che convincente per chi vuole farsi apprezzare senza filtri, senza la valutazione di una casa editrice che non è detto sia sempre equa e giusta nel suo giudizio.

A mio avviso, il self-publishing ci sta offrendo opere di grande valore e ne sto avendo la riprova, ogni volta che comincio a leggere una storia pubblicata in tal modo.

Io leggo sia self-publisher che autori/autrici pubblicati da case editrici e vi assicuro che, nella maggior parte dei casi, la qualità è la medesima, anzi… ci sono persino self-publisher che scrivono e pubblicano opere di un valore più alto.

È il caso di “Lady Opaline”, un’opera che giudico di grande valore, ma partiamo dalla storia che vorrei accennare, per farvi capire di chi e di cosa stiamo parlando.

Lady Opaline di Virginia Dellamore

Lady Opaline è una ribelle, non ama le convenzioni e soprattutto l’alta aristocrazia della quale, tra l’altro, fa parte la sua stessa famiglia, per quanto caduta in miseria, dopo essere stata costretta a vendere le sue proprietà, a causa dei debiti di gioco del defunto capofamiglia.

Restano, quindi, ad affrontare una triste realtà, fatta di una vita più ritirata e di maggiori difficoltà economiche: Opaline, Robert, suo fratello e sua madre che non ha mai smesso di sperare che i suoi figli si sistemassero con dei buoni partiti.

Opaline, però, non è avvezza a frequentare conti e marchesi, non ama per niente l’etichetta alla quale preferisce la campagna, il luogo che ama, gli animali e la natura in generale.

Nel villaggio in cui vivono, però, tutti devono imbattersi in Mister Knight, un uomo tanto mastodontico quanto burbero, ma anche potente e soprattutto ricco, terribilmente ricco, arrivato dall’America, uno straniero che ha l’ardire di sfidare chiunque gli si pari davanti, che vorrebbe poter comprare con il suo denaro ogni occasione di rivalsa, a causa di un passato fatto di difficoltà e sacrifici.

Già, perché Mr Knight è in Inghilterra solo per vendicarsi di alcuni componenti della stessa famiglia da cui discende, in quanto, a suo tempo, sua madre e suo padre furono costretti a lasciare l’amata patria, perché diseredati dalla casata a cui appartenevano. Infatti, l’idea che una nobildonna si innamorasse di uno straniero senza arte né parte era un vero e proprio scandalo e, per tale motivo, il figlio, ormai divenuto uomo, ma soprattutto arricchitosi nel tempo, decide di tornare alle origini, recarsi in Inghilterra, per vendicarsi.

Peccato, però, che s’imbatterà proprio in Opaline, una ragazza dalla rara bellezza, i riccioli d’oro, il viso di un angelo e l’altezzosità di una donna sveglia e pronta a tener testa a qualunque uomo gli si pari davanti.

In realtà, anche quest’ultima sembra turbata, ogni volta che incontra quell’uomo e ancora non sa cosa accadrà tra loro, così come non sa cosa quell’uomo nasconda, sconvolgendo anche la sua esistenza e ciò che credeva di non riuscire mai ad avere: l’amore.

Alexander Knight era il primo a non credere che fosse possibile innamorarsi, dopotutto, ma Opaline gli entra nel cuore appena la vede, quando ancora non sa quel che potrebbe sconvolgere le loro esistenze.

Non vi dico altro, perché penso che ci possano essere ancora moltissime persone curiose e interessate a scoprire quest’autrice. Per quanto io sia arrivata in ritardo, come capita molte volte, in quanto, nel momento in cui è uscita quest’opera ha già conquistato moltissimi lettori, io invito chi ancora non conosce questa autrice a scoprirla, perché è davvero l’occasione ideale per diventarne un’ammiratrice.

Quest’opera è assolutamente eccellente.

La scrittura è accurata, dettagliata, molto ben definita, realizzata con generosa cura e credibilità, data l’epoca in cui è ambientata, facendoci capire che l’autrice è molto preparata in merito al periodo storico nella quale l’ha ambientata.

Lo stile è semplice, ma diretto, in quanto arriva al lettore in modo da coinvolgerlo in ciò che legge, ma soprattutto travolgerlo nella storia stessa.

Potrei stare qui a elogiare quest’opera ancora per molte righe, ma vorrei poterlo fare in occasione di una nuova lettura che la riguarda.

L’elogio è meritatissimo. Qui si parla di eccellenza, nel vero senso della parola e non solo di un buon giudizio. Le cinque stelle, in questo caso, per me hanno il valore di un voto massimo con la lode.

Complimenti.

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Un pensiero riguardo ““Lady Opaline”, la recensione del Pink.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...