Chiacchieriamo, Consigli editoriali, Curiosità, editoria, scrittura, web

Le promozioni gratuite degli eBook? Un’arma a doppio taglio.

Chi conosce e utilizza come piattaforma di pubblicazione Amazon può usufruire di molti interessanti servizi, alcuni dei quali sono in grado di incentivare la promozione degli autori emergenti.

C’è chi può scontare un’opera al di sotto del prezzo prestabilito per un periodo di tempo e chi può, addirittura, metterlo in offerta gratuita per un massimo di cinque giorni in un periodo di 90, che è il tempo associato al programma KDP Select.

Questo programma permette ai clienti che si abbonano all’offerta denominata Kindle Unlimited di pagare solo € 9,90 al mese per poter leggere gratuitamente tutti i titoli possibili e immaginabili e all’autore del libro di guadagnare anche dalle pagine lette dagli utenti.

Attraverso questo sistema si può, quindi, mettere gratis un eBook, una volta o un massimo di cinque volte in 90 giorni, per tornare nella famosa e tanto agognata classifica delle vendite, quando il prodotto sarà di nuovo a prezzo pieno.

Ho sperimentato molto questo sistema in passato, così come fanno tanti autori emergenti e nella maggior parte dei casi mi sono trovata bene, in quanto era vero che l’eBook, molto scaricato quando era gratis, dopo aver scalato la classifica delle opere gratuite, poi anche a prezzo pieno, si guadagnava ulteriori posizioni in quella a pagamento, ma è pur vero che, nel tempo, questa specie di “abitudine” ha reso gli autori meno appetibili e forse anche meno apprezzati per le loro qualità.

read-876536_640

Mi spiego meglio.

Se un autore mette spesso un suo eBook gratis (non importa per quanti giorni) o lo fa abitualmente, concede ai lettori il pensiero che possano disabituarsi all’acquisto.

Spesso ci sono addirittura lettori che protestano all’idea di dover “pagare” un eBook, sempre per la filosofia secondo la quale scrivere non possa essere riconosciuto come un lavoro e quindi non debba essere remunerato.

A favorire questa ideologia ci sono anche delle piattaforme sulle quali chi scrive può pubblicare le sue storie “gratis”, cosa che giudico molto errato, anche per un principiante, perché quest’ultimo, per quanto inesperto, avrà lavorato molto per la realizzazione della sua storia e trovo sbagliato che scelga di offrirla al mondo (quindi anche suscettibile di plagio) completamente gratis e alla mercé di chiunque.

Inoltre, va detto che questa sorta di “politica” di conquista del lettore alla guerra del “gratuito” sia del tutto controproducente, in quanto il lettore stesso, quello che bazzica su internet, si abitua a ottenere eBook gratis e con il tempo non accetterà più di pagare per leggere le storie che gli piacciono.

Pertanto, a mio avviso, questo sistema, se da una parte favorisce il riposizionamento in una classifica che offre visibilità, qualsiasi essa sia, dall’altra, invece, si rivela del tutto controproducente ai fini del rispetto del lavoro di chi scrive, in quanto disabitua il lettore (cliente dell’e-commerce di turno) a comprare, quindi a dare un valore economico a un libro in formato digitale.

Fate caso che un libro, una volta messo in promozione gratuita, pur scalando la sua bella classifica, in seguito viene acquistato a fatica, se gli internauti pensano di poterlo ottenere in futuro ancora gratis. Quindi, non solo il libro perde il suo valore commerciale e morale, declassando il lavoro del suo autore, ma viene pure considerato come qualcosa di poco conto, che chiunque può avere e può magari anche “maltrattare”, con altrettanta leggerezza, attraverso una recensione poco lusinghiera.

Pensateci, autori!

Gratis per chi vi legge, spesso significa “può regalarmi il suo lavoro” e questo è davvero ingiusto oltre che svilente, perché scrivere è un lavoro e lo scrittore è un lavoratore.

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Un pensiero riguardo “Le promozioni gratuite degli eBook? Un’arma a doppio taglio.”

  1. Concordo con il tuo pensiero! Ho quasi terminato di scrivere un libro dopo un anno e mezzo di lavoro e non potrei mai pensare di regalarlo dopo tutto l’impegno! Soprattutto se voglio fare della scrittura un lavoro

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...