Chiacchieriamo, Curiosità, scrittura

Il blocco dello scrittore? È dovuto a stress. Fermati e rilassati.

Quante volte ho sentito questa frase: “Non riesco a scrivere, ho un blocco.” Io stessa l’ho patito per molto tempo e diverse volte in tutti questi anni.

Come comportarsi e come affrontare questo stato d’animo?

In un solo modo: rilassandosi, ma soprattutto facendo altro. Non scrivendo, semplicemente.

Non ci si può autocostringere a scrivere. Per quanto visto come un lavoro, per quanto un impegno serio, per quanto un’attività da non prendere sottogamba, la scrittura non vi chiede di essere usata così come noi la usiamo. La scrittura vuole farvi solo compagnia e questo è un dato di fatto, pertanto, quando forziamo troppo la mano, questa sintonia che abbiamo con essa si blocca, diventa un dovere che non è più piacere e quindi non riusciamo a sbrogliare una matassa nella quale rimaniamo imbrigliati.

girl-2618562_1280

Come sbrogliarci dalla matassa?

Senza scrivere, dedicandoci ad altro fino a data da destinarsi. Vi sembrerà un consiglio un po’ banale, ma è assolutamente vero. Non serve a niente sforzarsi e pretendere da se stessi ciò che non si può ottenere se non si è in sintonia con un’ispirazione, l’idea di una storia, la voglia di veder realizzato un sogno di carta.

Fermarsi è la logica.

Riposarsi facendo altro è meglio, soprattutto è un bene fare attività fisica, magari andare in palestra, magari facendo movimento all’aperto, o semplicemente dedicarsi a qualunque altra attività, può offrire l’occasione di staccarsi da ciò a cui teniamo veramente tanto, guardandoci da fuori in modo spassionato e magari più coerente, anche perché quando siamo presi troppo da noi stessi e da ciò che scriviamo, non sempre risultiamo consapevoli sia degli errori che della bellezza di ciò che abbiamo realizzato.

Possono passare i giorni, le settimane, i mesi. Non si sa quanto tempo serva in questi casi, molto dipende dal grado di relax a cui riuscirete a consegnarvi.

Pensare ad altro, ma soprattutto occuparsi di altro può essere solo un beneficio, poi quando tornerà il momento florido per l’ispirazione, lo percepirete subito, rendendovi conto che siete di nuovo in grado di rimettervi in carreggiata.

Relax & enjoy.

Anche perché ricordiamoci che la scrittura, anche quando intesa come lavoro, deve essere presa, prima di tutto, come piacere. Se non è presa come un piacere a cui lasciarsi andare, non può darvi niente e voi non potrete dare niente.

Tiizana Iaccarino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...