Chiacchieriamo, Consigli librosi, Recensioni

“Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)”, la recensione Pink.

Tutta colpa del mare (e anche un po’ di un mojito)” è stata una delle prime pubblicazioni della geniale e indimenticabile collana digitale YouFeel targata Rizzoli. Una collana adatta a tutti i gusti, ma soprattutto rivolta al pubblico femminile che apprezza quattro determinati generi: romantico, ironico, erotico ed emozionante.

Ricordo di essere rimasta subito affascinata da questa bella novità della casa editrice, sia da lettrice che da autrice.

Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) di Chiara Parenti

Chiara Parenti, a quel tempo, nel 2014 (ho controllato la data on line per non dire baggianate!) era già una scrittrice affermata e credo abbia aperto molto bene le porte di questa bella avventura editoriale ad altre autrici e anche a nuove lettrici.

Ricordo con chiarezza che, sui social network, si diede molto da fare per la promozione di questa storia (scatenando pareri discordanti circa l’ausilio generale di cui molti dicevano non avesse alcun bisogno data la risonanza del suo nome, già noto e della casa editrice) e venne apprezzata al punto da scalare le classifiche digitali, infatti questo ebook è stato forse il più venduto di tutta la collana di cui sopra (ma un lettore ovviamente non può dirlo con certezza).

Io ho acquistato questa storia quando è uscita (pensate da quanto ce l’ho nel kindle!) ma ecco, il bello di comprare un libro è questo… è tuo, non hai fretta di leggerlo, lo fai quando ti va, quando puoi, quando ti ispira, quando sei in grado.

Questa storia è molto bene impostata e racconta l’amore incondizionato, nonostante i cambiamenti e le intemperie della vita, tra due che capiscono solo dopo varie vicissitudini quanto contino davvero i sentimenti.

Maia ritrova, durante una vacanza goliardica in Versilia, alla vigilia di un matrimonio, il suo primo amore: Marco.

Cosa accade, però, quando bevi come una spugna e passi una notte di follie con gli amici?

Io non voglio raccontarvi la trama, perché se non la avete ancora letta, vi consiglio di farlo, ne vale la pena: è divertente, anzi esilarante, brillante, molto piacevole e buona.

UNA STORIA LANCIATA ALLA GRANDE.

Chiara Parenti è una scrittrice apprezzatissima, come dicevo prima, conosciuta, in libreria, ovunque sostenuta.

Io ho voglia di leggere altro di suo, per quanto, forse sbagliando, vi confesso che dalla storia del mojito mi aspettassi un altro tipo di scrittura, un altro stile, un’altra verve, un altro “non so che…”, ma sarò io quella strana.

Forse il discorso è questo: quando una storia è osannata al mero scopo di venderla, nel lettore cresce un’aspettativa fuori dal comune e se poi, nel corso della lettura, non trova ciò che immagina, gli cala facilmente l’entusiasmo e in parte l’interesse per la trama.

Questa storia è stata venduta molto bene, lanciata al massimo, persino realizzata in cartaceo (cosa che è capitata solo a un’altra autrice della stella collana) ed è apprezzabile, ma se dovessi dire che è un’opera indimenticabile ci penserei due volte, non so se mi sono spiegata.

Detto questo la consiglio, perché buona.

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...