Chiacchieriamo, Consigli librosi, Recensioni

“Tommaso”, la recensione Pink.

Ho letto questa storia con la curiosità di chi voleva sapere cosa avrebbe raccontato l’autrice in merito al personaggio di Tommaso.

Tommaso è un uomo controverso. Un cattivo nel vero senso del termine. Ha fatto soffrire tutti i personaggi della serie “Passioni segrete”, è stato il tormento carnale ed emotivo, ma non solo, di Caterina e la vendetta di Mattia che ha voluto rivendicare il suo ruolo nella vita della protagonista.

Nei volumi precedenti “Prendimi tu” e “Prendo te”, abbiamo trovato un uomo complesso, che ha affascinato il lettore perché enigmatico, ma anche rude, forte, rozzo, oltre che terribilmente odioso.

Non avrei potuto immaginare in che modo l’autrice sarebbe riuscita a redimerlo o meglio a farmelo piacere, perché non mi era piaciuto nelle storie passate.

Katy Kaise ha avuto la capacità di costruire intorno al suo ruolo una storia forte, ancora più dura di quel che possiamo immaginare e di quanto sia stato duro il suo stesso personaggio, perché Tommaso non ha conquistato per niente le simpatie dei lettori, di questo ne sono certa.

L’autrice, però, ha dimostrato ampliamente le sue capacità sia per quel che concerne il contenuto dell’opera che la sua forma: ha creato una trama basata sull’aspetto introspettivo di quest’uomo tanto tormentato eppure anche pronto a rimettersi in discussione, perché consapevole di essere negativo.

Quel che mi ha più colpita è stato scoprire l’intreccio narrativo che si amalgama ai fatti raccontati precedentemente e ai personaggi che compongono questo nuovo pezzo di tutto il puzzle.

Non voglio raccontarvi la trama o lasciarmi andare allo spoiler come fanno, in modo non sempre onesto, molte blogger nelle loro recensioni, perché penso che possiate cercarvela on line per scoprire che era davvero quel che ci voleva per restituire a un personaggio tanto odioso ciò che il lettore medio sperava o meglio si aspettava.

Cover Tommaso di Katy Kaise

Credo che questo spin-off sia stato costruito ad arte, che non pecchi in niente, che abbia il modo e il tempo di farvi entrare tra le pagine di una storia ancora più forte di quella che potreste aspettarvi dal passato di Tommaso. Un passato rude e crudele, ma forse necessario all’autrice stessa per restituire alla storia un tassello che, forse, mancava in altri punti.

IL BULLISMO. UN TEMA SOCIALE ATTUALE E MOLTO FORTE.

Nell’opera si dà ampio spazio al dilemma sociale del bullismo, uno dei problemi più gravi del nostro tempo (e non solo, perché anche quando ero ragazzina io, ricordo che a scuola i più forti erano quelli che volevano dimostrare di esserlo prevaricando gli altri).

Il tema poteva essere introdotto in modo complesso, ma anche difficile perché non è semplice parlare di un argomento tanto delicato e invece l’autrice ha saputo raccontarlo molto bene, dandogli sfumature ben delineate, ma soprattutto scavando nei motivi per i quali un ragazzo, fin dalla più tenera età, potrebbe cadere nella trappola della sua stessa voglia di rivalsa, a causa di dolori e traumi passati.

Non è un modo per giustificare l’atteggiamento precaricatore di una persona e la sopraffazione che opera sugli altri con cattiveria e aggressività, per far soffrire chi gli è prossimo, ma un sistema con il quale l’autrice ha saputo indagare bene in quel che è il sistema “bullismo” e da cosa deriva o come può nascere tra i banchi di scuola e negli anni dell’adolescenza nei ragazzi.

Tommaso diventa, in questo modo, il personaggio in grado di dimostrare che, a volte, è persino possibile individuare le cause di ciò che si muove nell’animo umano, in quello più fragile per certi aspetti, anche se apparentemente forte agli occhi degli altri, cause difficili da comprendere, pur senza giustificarle, ridando al lettore la speranza che cerca: la redenzione.

Secondo voi, un personaggio cattivo può redimersi davvero?

Vi lascio con questo punto interrogativo e vi invito a scoprire questa storia, perché mi ha intrigata e a un certo punto non ho potuto fare a meno di arrivare all’ultima pagina.

La trama diventa più complessa di quel che possiate immaginare e soprattutto bene intrecciata.

Ve la consiglio davvero.

Tiziana Iaccarino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...